Cucinoteca

Il progetto dello spazio e degli elementi che compongono la Cucinoteca di corso Carlo Alberto muove da due assunti che da anni caratterizzano il mio modo di fare design e architettura: memoria e gioco

L’idea di memoria rimanda a quella di figure riconoscibili che rispondano alla domanda insoddisfatta di segni archetipi, di codici visivi che appartengono a un patrimonio passato di generazione in generazione di cui l’uomo di oggi (più o meno consapevolmente)sente il bisogno.

 Nel laboratorio di cultura del cibo che ho immaginato per Oggetti&Desideri sono evidenti i richiami ai grandi spazi-cucina di rurale memoria, dove si preparavano le pietanze, si mangiava e si stava tutti insieme. Al tempo stesso ogni elemento della Cucinoteca è progettato come se fosse un gioco perché tra gli atti creativi “da adulti”.